Volo di andata cancellato? ecco cosa fare


Le battaglie vinte dei rimborsi


Non fa piacere a nessuno rimanere a terra dopo aver atteso trepidante il giorno della tanto agognata vacanza, ma se dovesse capitare, accompagniamo la nostra delusione a una buona dose di grinta e reclamiamo il rimborso integrale del biglietto.

Questo è quanto capitato a un cittadino di Grosseto, che dopo aver prenotato un volo andata e ritorno per la sua breve vacanza in Portogallo, ha ricevuto qualche giorno prima della partenza la spiacevole notizia da parte del vettore della cancellazione del volo di andata e la proposta di partire il giorno successivo.

Rifiutata la gentil concessione della compagnia aerea, per l’impossibilità di modificare il suo piano ferie, il consumatore ha quindi reclamato il rimborso di entrambe le tratte. 

Il caso è finito davanti al Giudice di Pace di Grosseto, per avere la compagnia aerea, dopo il fallito tentativo di conciliazione presso la Camera di Commercio, rifiutato di rimborsare entrambe le tratte assumendo che il consumatore avrebbe potuto usufruire del viaggio di ritorno.

Dello stesso avviso non è stata l’adita Autorità Giudiziaria, che con la sentenza 239/2014 ha condannato la compagnia aerea a rimborsare entrambe le tratte e le spese processuali, confermando il diritto del passeggero di non accettare modifiche del contratto di trasporto unilateralmente disposte dal vettore e quindi di annullare anche il volo di ritorno, chiedendo il rimborso integrale di entrambe le tratte.


ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento