Come perdere il bonus prima casa

bonus prima casa

Abitare in una casa di lusso e non saperlo


Per trasformare la propria abitazione in un immobile di lusso, con la conseguente perdita del bonus prima casa, è sufficiente un seminterrato, se con questo la superficie utile supera i 240 metri quadri.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 18481 del 21 settembre 2016, secondo la quale nel computo dei metri quadri rientra non soltanto la superficie abitabile, ma l’intera superficie dell’immobile comprensiva del seminterrato “non risultando che sia un vano non computabile”.

Può interessarti anche IMU ridotta per immobili inagibili anche senza denuncia

Ciò posto, se con il seminterrato (anche non arredato e non abitato, ma a maggior ragione se lo è), la superficie utile supera i 240 mq, esclusi balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posto auto, l’immobile diventa di lusso e si perde il bonus prima casa, consistente nell’abbattimento dell’IVA dal 20% al 4% se si acquista l’immobile da un’impresa, oppure nella riduzione dell’imposta di registro dal 9% al 2% se lo si acquista da un privato.

Può interessarti anche: Niente IMU se i coniugi hanno due immobili in Comuni diversi

Sul punto si rammenta che sono considerati immobili di lusso, in quanto tali esclusi dal beneficio fiscale:

1) le abitazioni realizzate su aree destinate a “ville” o “parco privato” o su aree per le quali si prevede una destinazione con tipologia di case unifamiliari con lotti non inferiori a 3000 metri quadri;

2) le abitazioni facenti parte di fabbricati con cubatura superiore a 2000 mc. e realizzati su lotti nei quali la cubatura edificata sia inferiore a 25 mc. per ogni 100 metri quadri;

3) le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 metri quadri o campi da tennis di almeno 650 metri quadri;

4) le case costituenti l’unico alloggio padronale con superficie utile maggiore di 200 metri quadri e aventi come pertinenza un’area scoperta della superficie di oltre sei volte l’area coperta;

5) le abitazioni facenti parte di fabbricati insistenti su aree destinate all’edilizia residenziale, quando il costo del terreno coperto supera di una volta e mezzo il costo della costruzione.

 


ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento