L’inosservanza del termine dilatorio di comparizione nel rito del lavoro


Cosa accade se notifico l’appello il giorno prima dell’udienza? La risposta della Corte di Cassazione – Sez. Lav. – sent. 10.10.2016, n. 20335


Nel rito del lavoro l’inosservanza, in sede di ricorso in appello, del termine dilatorio a comparire, non è configurabile come vizio di forma e di contenuto dell’atto introduttivo, atteso che, a differenza di quanto avviene nel rito ordinario, essa si verifica quando l’impugnazione è stata già proposta mediante il deposito del ricorso in cancelleria, mentre nel procedimento ordinario di cognizione il giorno dell’udienza di comparizione è fissato dalla parte (art. 163 c.p.c., n. 7 e art. 342 c.p.c.), considerato altresì, che tale giorno è fissato, nel rito dei lavoro, dal giudice col suo provvedimento.

Pertanto, tale inosservanza non comporta la nullità dello stesso atto di appello, bensì quella della sua notificazione, sanabile ‘ex tunc’ per effetto di spontanea costituzione dell’appellato o di rinnovazione, disposta dal giudice ex art. 291 c.p.c., costituendo questa norma espressione di un principio generale dell’ordinamento, riferibile ad ogni atto che introduce il rapporto processuale e lo ricostituisce in una nuova fase giudiziale, per cui sono sanabili ‘ex tunc’, con effetto retroattivo a seguito della rinnovazione disposta dal giudice, non solo le nullità contemplate dall’art. 160 c.p.c., ma tutte le nullità in genere della notificazione, derivanti da vizi che non consentono all’atto di raggiungere lo scopo a cui è destinato (art. 156 c. 3 c.p.c.), ossia la regolare costituzione del rapporto processuale, senza che rilevi che tali nullità trovino la loro origine in una causa imputabile all’ufficiale giudiziario o alla parte istante.

Per l’anzidetto, la Corte di legittimità ha cassato la decisione della Corte d’Appello che aveva dichiarato improcedibile l’impugnazione, ritenendo inesistente la notifica del ricorso e del pedissequo decreto di fissazione dell’udienza, in quanto effettuata il giorno prima dell’udienza e quindi inidonea a consentire all’appellata di svolgere le sue difese.

Approfondimenti:

Guida pratica alla ricerca telematica dei beni da pignorare ex art. 492bis c.p.c.

Dall’istanza ex art. 492 bis c.p.c. alla richiesta di informazioni ai gestori delle banche dati per l’individuazione dei beni da pignorare  di Avv. Stefania Giordano Sommario […]

4 comments

Notifica a mezzo PEC dell’atto di appello e l’avviso ex art. 123 disp. att. c.p.c.

VADEMECUM IMMAGINE E RISVOLTI PRATICI di Avv. Stefania Giordano – Foro di Palermo – CSPT Di seguito il vademecum immagine per procedere alla notifica a mezzo […]

0 comments

Notifica pec: nessuna nullità per innocue irregolarità

La Cassazione mette i paletti alla Legge 53/1994 e salva le notifiche a mezzo pec (Cassazione Civile n. 19814 del 04/10/2016) Come noto, l’art. 3 bis, comma […]

0 comments

Notifica della sentenza se a costituirsi è un dipendente della P.A.

I chiarimenti della Cassazione sul destinatario della notifica della sentenza per il decorso del termine breve dell’appello (Cassazione Civile, Sent. n. 19787 del 04/10/2016)

1 comment

Notifica negativa e oneri del notificante

Le attività da compiere e i tempi da rispettare per la riattivazione tempestiva del processo notificatorio Cassazione Civile Sezioni Unite n. 14594 del 15.07.2016

0 comments

Notifica atti giudiziari: cade il mito dell’inesistenza

Commento a Cassazione Sezioni Unite nn. 14916 e 14917 del 20/07/2016 di Avv. Stefania Giordano

1 comment

 


ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento