Cosa fare se il Giudice si dimentica di liquidare le spese di lite


Alle Sezioni Unite la questione sui rimedi esperibili avverso l’omessa liquidazione delle spese di lite. (Cass. Civ. Sez. II, Ordinanza n. 21048 dell’11.09.2017)


Rimessa al Primo Presidente della Corte di Cassazione, perché valuti l’opportunità di demandare all’esame delle Sezioni Unite, la questione di massima di particolare importanza relativa ai rimedi esperibili avverso l’omessa liquidazione delle spese di lite da parte del Giudice.

La questione è oggetto di un eterno contrasto giurisprudenziale, atteso che a fronte dell’orientamento più risalente, riaffacciatosi negli ultimi anni con la sentenza Cass. n. 16959/2014 e Cass. n. 15650/2016, che ritiene la procedura di correzione di errore materiale l’unico rimedio esperibile avverso l’omessa liquidazione delle spese di lite, si contrappone la diversa più recente opinione, per molti anni prevalente, circa la necessità di esperire gli ordinari mezzi di impugnazione (cfr. ex multis Cass. n. 7274/1999; Cass. n. 12104/2003; Cass. n. 13513/2005; Cass. n. 17221/2014; Cass. n. 21109/2014).

Non v’è dubbio che tale contrasto crea incertezza ed espone la parte al rischio di incolpevoli decadenze nel caso in cui la parte, in presenza di una situazione di omessa liquidazione delle spese di lite, confidando sulla possibilità di far ricorso al procedimento di correzione di errore materiale, lasci decorrere i termini per l’impugnazione del provvedimento e si trovi poi opposta, in sede di procedura ex art. 288 c.p.c., la diversa convinzione del giudice adito circa la necessità del ricorso ai mezzi ordinari di impugnazione.

Per tale motivo, la Seconda Sezione della Corte di Cassazione (Ordinanza n. 21048 dell’11.09.2017) pur manifestando adesione alla tesi della proposizione dei mezzi ordinari di impugnazione avverso l’omessa liquidazione delle spese di lite, ha ritenuto la questione di massima importanza per la frequente ricorrenza del problema e palesato la necessità che le Sezioni Unite offrano una soluzione uniforme, sia al fine di scongiurare il dedotto pericolo di incolpevoli decadenze, sia per chiarire quale rimedio debba essere esperito laddove l’omessa liquidazione delle spese di lite sia relativa a una sentenza della Corte di Cassazione, anche alla luce della novellata previsione di cui all’art. 391 bis c.p.c..

 


ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento