Ricorso inammissibile? nessuna condanna alle spese di lite

martello giudice sopra dollari

Ricorso inammissibile e rinuncia agli atti. La Cassazione non condanna alle spese di lite anche senza adesione alla rinuncia o ricorso incidentale.

Cassazione Civile, Sez. sesta, Ordinanza n. 17320 del 24.08.2016


Spese di lite

Ad aggiungere un altro tassello alle statuizioni sulle spese di lite in caso di inammissibilità e rinuncia agli atti, questa volta è Cassazione Civile, Sez. sesta, Ordinanza n. 17320 del 24.08.2016, che ha ritenuto di non provvedere sulle spese anche se, a fronte dell’inammissibilità del ricorso e della rinuncia agli atti da parte del ricorrente, controparte non ha aderito alla rinuncia e non ha proposto ricorso incidentale.

L’ordinanza è stata emessa nell’ambito del ricorso straordinario per Cassazione ex art. 111 Cost., proposto avverso la decisione del Tribunale di Enna che ha rigettato il reclamo frapposto all’ordinanza emessa dal giudice dell’esecuzione dello stesso Tribunale ai sensi dell’art. 624 c.pc.

La Suprema Corte, in prima battuta, conferma il proprio consolidato orientamento sull’inammissibilità del ricorso straordinario per Cassazione avverso l’ordinanza che abbia provveduto sulla sospensione dell’esecuzione, nell’ambito di un’opposizione proposta ai sensi degli art. 615, 617 e 619 cod. proc. civ., nonché avverso l’ordinanza emessa in sede di reclamo che abbia confermato o revocato la sospensione o l’abbia concessa, trattandosi in entrambi i casi di provvedimenti non definitivi, suscettibili di ridiscussione nell’ambito del giudizio di opposizione e, quindi, privi di carattere decisorio. (ex multis Cass. n. 1176 del 2015, da ultimo).

Quanto alle spese processuali, la Corte, nel dichiarare l’estinzione del giudizio di cassazione per la rinuncia al ricorso da parte del ricorrente, non ha ritenuto di statuire sulle spese di lite, in quanto il resistente ha anch’esso concluso per la cassazione del provvedimento impugnato e non ha chiesto la liquidazione delle spese giudiziali che, sebbene non necessaria ai fini della relativa statuizione, giustifica l’esclusione di quest’ultima, per la difesa spiegata in ordine alla sorte del provvedimento impugnato.

 

 


ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento