Prenotazione voli: le tariffe online devono essere subito chiare


imm-comunitacc80-europeaIl prezzo finale dei voli, comprensivo dei servizi opzionali, deve essere indicato chiaramente prima del processo di prenotazione online


A confermarlo la quinta sezione della Corte di Giustizia Europea con la sentenza del 15.01.2015 (C – 573/13), chiamata a risolvere il dubbio interpretativo dell’art. 23 comma 1 del Regolamento n. 1008/2008, che così recita: Le tariffe aeree passeggeri e merci disponibili al pubblico comprendono le condizioni ad esse applicabili in qualsiasi forma offerte o pubblicate, anche su Internet, per i servizi aerei da un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro soggetto alle disposizioni del trattato. Il prezzo finale da pagare è sempre indicato e include tutte le tariffe aeree passeggeri o merci applicabili, nonché tutte le tasse, i diritti ed i supplementi inevitabili e prevedibili al momento della pubblicazione. Oltre all’indicazione del prezzo finale, sono specificati almeno i seguenti elementi: a) tariffa aerea passeggeri o merci; b) tasse;c) diritti aeroportuali; e d) altri diritti, tasse o supplementi connessi ad esempio alla sicurezza o ai carburanti, dove le voci di cui alle lettere b), c) e d) sono state addizionate alle tariffe aeree passeggeri e merci. I supplementi di prezzo opzionali sono comunicati in modo chiaro, trasparente e non ambiguo all’inizio di qualsiasi processo di prenotazione e la loro accettazione da parte del passeggero deve avvenire sulla base dell’esplicito consenso dell’interessato («opt-in»)“.

Per la Corte di Giustizia il richiamato articolo 23 del Regolamento 1008/2008, introdotto allo scopo di vietare la prassi diffusa di indicare la tariffa senza gli oneri aggiuntivi, impone la trasparenza delle tariffe aeree affinché i clienti possano avere maggiore consapevolezza nella scelta e la possibilità di confrontare i prezzi dei servizi offerti dalle diverse compagnie aeree, che è possibile operare solo se è sempre indicato il prezzo finale da pagare, comprensivo quindi dei servizi, delle tasse, dei supplementi  e delle ulteriori spese di carburante e di gestione della prenotazione.

I riferiti oneri e supplementi, quindi, vanno indicati sempre in modo chiaro, trasparente e non ambiguo prima dell’inizio del processo di prenotazione al fine di consentire al cliente di decidere ex ante se usufuire dei servizi offerti o optare per soluzioni alternative più convenienti.

Lascia un commento